Padri e figli ai tempi di skype

Questa settimana di singletudine si sta chiudendo. Questa sera il maschio alfa ritorna a casa e tutti vissero felici e contenti (nel senso che iniziano il trasloco!).

Però intanto volevo dirvi che ho vissuto l’esperienza più commuovente di questo anno e mezzo con Lisoski: giorno dopo giorno a stare sempre io e lei, lei e me, si è convinta che il papà non poteva essere sparito: doveva essere dentro il pc, da cui come per miracolo ogni tanto compariva. A patto che fosse invocato con piglio sciamanico: mani alzate verso il portatile, punte dei piedi tirate e voce chioccia… pa-pi? A questo punto gli scenari potevano essere due

Scenario A
Pa-pi non appare. Dramma. Skype suona a vuoto. Cioè suona, ma boh, lui dopo giura che in realtà non suonava. Noi si resta impietriti davanti al pc. Lei per la delusione, io perché intravedo la tragedia. E intravedo giusto. Lei invoca con voce sempre più flebile pa-pi pa-pi. Mamma ansia si agita, e inzia a pensare “doveminchiatiseicacciatoporcogiuda”. 3-2-1… tempo di finire la litania e Lisoski ha scaraventato a terra tre libri. La nevra è servita.
Pa-piii…e getta il ciuccio. Intanto lo schermo va in stand by… diventa nero. Prevedo sedute di analisi fino alla vecchiaia. La rabbia intanto se la magna. L’isteria diventa pianto. Provo a darle il suo peluche Pillo. Ma niente, scuote la testa e dice no- no-no… l’avvitamento è inevitabile. Fanculo skype.

Scenario B

Pa-pi appare. Gioia infinita. Le mani si muovono come nel ballo del qua qua. Il monitor diventa un sudario di manate, nasate, strofinamenti di bocca. E poi contro lo schermo finiscono nell’ordine, pillo, paperina e un paio di libri di peppa pig. Seguono saltelli sul posto, battiti di mani e gridolini a ugola spianata. E manate a peso morto sulla tastiera, una fa saltare il video, una il wi fi, cade la linea, si recupera… e via così fino allo stordimento.

Io ancora non l’ho capito se l’amore ai tempi di internet è più sano o più ridicolo. Sono troppo stanca per chiedermelo a sto giro. Però sono cosi felice che questa sera siamo di nuovo tutti insieme che mi ripeto, come un mantra… Chissenefrega (forse non lo sai ma) pure questo è amore.

bambini_2.0_1-300x200

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...