0

Bonus inps: se i nidi del comune non sono accreditati

Incredibile eppure è vero. Il 31 dicembre scadono i termini per fare richiesta al bonus inps: 600 euro mensili di rimborso per asili o baby sitter. Per farlo occorre compilare un modulo sul sito inps, ma serve anche che gli asili per cui si chiede il rimborso della rata, siano accreditati. Sia i pubblici che i privati. Ecco, i nidi pubblici di Pavia a quanto pare non sono accreditati.

Chiaramente si tratta di un disguido: una dipendente comunale ha spiegato che davano per scontato di esserlo, essendo già accreditati in molti altri enti pubblici, ma quando una mamma ha fatto richiesta si sono accorti che così non era. Colpa di INPS? Del comune? Non sta a me fare un’inchiesta per andare a fondo della questione. Registro solo che fregate risultano essere le famiglie (quelle aventi diritto chiaramente) che rischiano di non vedersi rimborsate 600 euro mensili di nido per colpe non loro. Peraltro in un anno in cui sono state aumentate anche le rette degli asili nido.

#così-non-si-fa.  #cos’altro-dobbiamo-aspettarci?

bonus-mamme-lavoratrici

questa la risposta dell’assessore

Buongiorno a tutti, rispondo volentieri a questa richiesta.
Abbiamo combattuto per giorni con il sistema dell’INPS per accreditare tutti i nostri asili comunali. Il problema è che tutti gli asili hanno lo stesso codice fiscale (quello del Comune) e qui
ndi, una volta registrato il primo, il sistema non accettava gli altri, sostenendo che fossero già accreditati.
Ci siamo rivolti più volte all’INPS, anche recandoci all’ufficio provinciale ma nessuno è stato in grado di risolvere il problema
Per questo abbiamo comunicato con posta certificata all’INPS che l’unico asilo che risulta accreditato (Ciro Barbieri) deve valere per tutti. Abbiamo quindi segnalato a tutti i genitori che intendevano fare richiesta per il bonus essendo iscritti ad un qualsiasi asilo comunale di indicare di essere iscritti al Ciro Barbieri.
Infine abbiamo comunicato all’INPS che ci aspettiamo che queste richieste siano ritenute valide, auspicando che si possa risolvere il problema formale con calma l’anno prossimo.
Spero che la comunicazione sia giunta a tutti gli interessati. Tutti gli asili erano stati allertati.
A volte la battaglia con la burocrazia è la più strenua e complicata.
Ilaria Cristiani
Assessore all’Istruzione del Comune di Pavia

Annunci
0

Il pranzo domenicale delle famiglie al Bliss

Ciao a tutti, vi segnalo questo pranzo per le famiglie, post natalizio: sarà domenica 28 al Bliss di corso garibaldi. È pensato per alleggerire il carico di mamma e papà, quindi i bambini starebbero al piano sotto con un’animatrice, i genitori sopra a rilassarsi. Non male come formula 😉

Se siete interessati, avvisateli così loro si organizzano per tempo con le animatrici.

Baci

10850046_1425506117671875_1000517402348896802_n

0

Bambini pavia: gli eventi del week end

Ecco gli eventi del week end 🙂

Sabato 20 dicembre nel reaparto di Pediatria del policlinico san matteo di Pavia c’è la festa dei supereroi con spettacoli interpretati dai supereroi dei bambini. Possono partecipare tutti e più bimbi ci sono è meglio è! È alle 10 presso l’aula Burgio della Clinica Pediatrica della Fondazione Policlinico San Matteo di Pavia.

1417806532_1511749_784840444896396_1906101962290528656_o

Al pomeriggio alla Biblioteca dei ragazzi c’è invece la tradizionale festa di Natale: alle ore 15.30. Per prenotazioni e info 0382399610.

Sempre sabato alle 16 al centro ippico di Pavia (via strada per il Lido) c’è invece una festicciola con il presepe vivente. Per info Elena 3386065179.

Domenica 21 invece al teatro Mastroianni di San Martino Compagnia lo Spunk teatro di Saronno presenteranno lo spettacolo “Cercasi babbo Natale”.  Il vecchio Babbo Natale sta per andare in pensione e sono aperti i colloqui per trovare il nuovo sostituto; ma il posto vacante fa gola a tanti e qualcuno farebbe carte false pur di aggiudicarsi e sfruttare i poteri di Babbo Natale per fini personali. Tanti si candidano al ruolo ma lo scontro si fa intenso tra Natalino e Piermario…tra tranelli, intrighi e simpatiche gag, solo uno ne uscirà vincitore.

PREVENDITA sabato 20 dicembre dalle ore 17.00 alle ore 19.00 presso il teatro Mastroianni

10846136_574885939280050_8199232184513170997_n

Mi segnalate quello che mi sono persa? baci!

0

È nato icaro: ecco cos’è

neonato

Si tratta praticamente di un servizio che il policlinico san matteo e il comune di Pavia mettono a disposizione dei genitori: quando nasce il bambinio, il papà trova al San Matteo uno sportello per registrare la nascita, trovargli un pediatra asl, ricevere il codice fiscale etc: qui si spiega meglio.

10868074_716156838492049_3425218785233735269_n

3

Sullo spirito del Natale

Silenzio in casa. Maschio alfa in trasferta. Vecchio Tito pure. Lisa ha appena smesso di parlarmi di Teo (un coniglio non meglio precisato che mi giura: batte). E, mentre l’albero di Natale lampeggia io faccio il punto sullo spirito natalizio. Voglio dire Lisoski va per i 2 anni. Per lei ora il natale sono tre cose: le luci, l’albero e babbo natale. Gesù bambino? Non pervenuto.

La mia crisi mistica dura ormai da una decade, non riesco a farglielo pervenire. E il maschio alfa è nato sotto il socialismo, il massimo che gli racconta è l’epopea di nonno gelo.  Con una variante: siccome quelle terre prima erano tedesche ci sono altri effetti collaterali. Tipo quella che gli fa dire: “Dai, nessun regalo per Lisoski a Natale, tanto le arrivano da nonni e zii!” #Austerity. … sì, lo so, in  un’altra vita  mi sposerò  un don  Fefè,  amante  dei  barocchismi mediterranei 🙂

In compenso giovedì partecipo alla mia prima festa di natale dell’asilo. La regola vuole che ogni genitore compili la lavagna all’ingresso del nido, divisa in quattro colonne: biscotti, panettoni e/o pandori, succhi, piatti e/o bicchieri. Io – pensavo – porto i succhi di pera, di mela e di arancio. Proprio in quel momento una mamma mi sorpassa, acchiappa l’uniposca e sotto il mio sguardo attonito barra: biscotti, pandoro, panettone, succhi, piatti e bicchieri. Mi ha stracciato insomma, facendomi sentire del tutto priva dello spirito natalizio, modello scrooge.

La verità è che io di entusiasmo non ne ho moltissimo e non so come sarà questo Natale in casa Lisoski. L’altro giorno ricordavo i miei risvegli nella casa lacustre. Quando la mattina di Natale correvo a scartare i regali. Dopo una notte che giuravo: questa volta lo becco gesu bambino, tanto lo so che è riccio e biondo. E invece niente. Crollavo sempre prima che i miei tirassero fuori i regali da sotto il letto.

Eppure vorrei che per Lisa quella magia ci fosse ancora. E so che dipende anche da me. Spero di non fare la parte di quella che ha lasciato i sogni al binario dei pendolari. Vorrei riuscire a creare quell’incanto, quella meraviglia, quella suggestione…  ma voi avete qualche suggerimento per tenerla viva?

natale pavia

0

Eventi del week end #bambini #pavia

Eccoci qui per gli appuntamenti consueti per i bambini di pavia.

L’Associazione Naturalistica Codibugnolo – in collaborazione con AgriPavia – presenta “La Natura del Natale”, un laboratorio dedicato a grandi e piccini per imparare a utilizzare quanto la Natura ci offre per abbellire le nostre abitazioni nel periodo natalizio. Frutta, bacche, semi, rametti diventeranno gli “ingredienti” per realizzare originali e simpatici oggetti decorativi che daranno un tocco di allegria alle tavole e alle case imbandite a festa.  L’appuntamento è alle ore 15:00 di sabato 13 dicembre presso il negozio “AgriPavia” in Via Omodeo, 27 a Pavia. Contributo di partecipazione al laboratorio: 5 € Il laboratorio, della durata di circa un’ora e mezza, è adatto ai bambini (dai 5 anni in su) e agli adulti.

Il Museo di Storia Naturale dell’Università di Pavia (piazza Botta, 9 Pavia) presenta invece una mostra di animali del deserto, nell’iniziativa natalizia che ha per protagonista un dromedario. Dall’11 al 19 dicembre 2014 nella sede di Palazzo Botta è possibile visitare il Museo e farsi una fotografia con il quadrupede del deserto, accanto a una vera tenda dei beduini. Ci saranno anche mammiferi, rettili e uccelli che vivono nelle zone desertiche  e pre-desertiche di Asia e Africa. L’evento, con il patrocinio del Comune di Pavia, è gratuito e nel pomeriggio di sabato 13 dicembre (ore 14.00-18.00) ci saranno anche i Re Magi in persona e la scuola Apolf di Pavia preparerà una merenda per tutti i partecipanti.
Info: 0382 986308 museo@unipv.it . (Il museo rimane chiuso domenica 14)

2014_dromedario

Qualcosa di nuovo sul fronte occidentale per tutto il giorno di sabato propone invece iniziative per bambini nel quartiere pelizza

volantino_NataleinPelizza

C’è poi questa iniziativa di Chimicand: uno spettacolo per bambini dal titolo “Non è magia ma scienza!” in via mentana 51 alle ore 17

11692_866557640077674_5087228562538193056_n

Domenica invece l’associazione A passi lievi propone il BAZAR di Natale
dalle 15 alle 18. Laboratori creativi per bambini, Centrotavola natalizi
Mercatino di manufatti, manicaretti e libri e Lettura di una Favola. è gradita la prenotazione

10805568_690210011092123_422431482959227184_n

La compagnia dell’allegria organizza invece un pomeriggio di festa per bambini allo studio Hera di Pavia (via cardano 23)

10818250_773875012685737_318153300773391324_o

Mentre l’officina delle arti propone all’agripavia di piazza duomo un laboratorio creativo per i bambini al mattino

10846738_10204013212149320_1914874195_n

3

Corsi musicali ai Cantieri con Zio Burp

Ciao a tutti, oggi parliamo di un nuovo corso di musica per bambini dai 3 ai 5 anni che partirà in gennaio a Pavia.Il corso di musica si terrà presso I Cantieri, in viale Partigiani, che ha uno spazio molto accogliente dove già si svolgono laboratori, seminari e corsi di musica e danza. Abbiamo fatto qualche domanda alla persona che terrà le lezioni, Cristiano Callegari, che molti conoscono in rete come Zio Burp ed è uno dei “papà blogger” più attivi in rete. A Pavia lo conosciamo anche come scrittore e narratore di storie per bambini.

A che bambini si rivolge questo nuovo corso?
«Il corso è pensato per bambini della fascia prescolare, diciamo dai 3 ai 5 anni, perché è un’età ideale per un primo percorso attivo con la musica».
Che metodo didattico usi?
«Il mio metodo si basa in primis sulla mia esperienza personale di genitore musicista. L’esperienza sonora e musicale è guidata dal piacere e dal divertimento del bambino. Attraverso un nuovo piccolo mondo di suoni, canzoni, ritmi e movimenti, il bambino può raggiungere la consapevolezza di una propria dimensione sonora e crescere in sintonia con essa».
Quali strumenti e quali musiche utilizzerete?
«Faremo molti giochi con il canto, la parola e il rumore. Giocheremo a trasformare il rumore in musica. Poi useremo certamente piccoli strumenti a percussione (come tamburelli o xilofoni) o a fiato (come flauti e armoniche). Ma racconteremo (e inventeremo) anche storie con protagonisti gli strumenti e i suoni».
Il corso prevede la presenza dei genitori?
«Questo aspetto lo valuterei caso per caso in base al carattere e all’autonomia del bambino. Potrebbe essere necessario iniziare con alcuni genitori presenti, ma io vedrei bene un rapido distacco per lasciare i bambini alle prese con un nuovo mondo da esplorare in totale autonomia».
Sei solo o con altri maestri?
«Probabilmente sarò affiancato dal maestro Beppe Grifeo, specie nelle prime lezioni».
piano-baby
Che percorso musicale hai tu? E che esperienza hai con i bambini? 
«Io ho un percorso musicale, lampo in principio, da bambino, radicalmente diverso da quello che vorrei per i bambini oggi. Io sono nato musicalmente negli anni ’70 quando studiare musica significava innanzitutto un anno intero di teoria e solfeggio senza vedere mai uno strumento.
Alle medie poi ovviamente ho “subito” il flauto dolce e la sua assurdità didattica che prosegue immutata da decenni. Al Vittadini e poi privatamente ho studiato il pianoforte e man mano ci ho aggiunto altri strumenti più portatili e giocosi (dall’ukulele alla melodica, alla fisarmonica ecc.). Ho suonato e suono tuttora in diversi contesti musicali (jazz, pop, folk). Ma la cosa che più mi sta dando soddisfazione è allevare due figlie musicalmente attive e potenzialmente “musiciste”.
La più piccola di 7 anni suona il violino e la più grande di 12 suona il piano e canta. Io sono certo che la loro predisposizione alla musica sia profondamente legata all’ambiente casalingo, decisamente musicale, in cui sono cresciute. Con la figliola più grande, qualche anno fa abbiamo girato questo piccolo video, un esperimento buffo, di come si possono fondere due canzoni.
Con la più piccola siamo andati più volte a suonare nelle scuole elementari inventandoci insieme alla sua insegnante una lezione-concerto sul violino».
(eccola nella foto qui sotto!)
unnamed
Per saperne di più contattatelo su Facebook (zio Burp) o via email zioburp@gmail.com