1

Weekend lungo, cosa fare con i bimbi

Ciao a tutti, eccoci con qualche segnalazione degli eventi previsti per questo fine settimana lungo.

Sabato 2 e domenica 3, al Bosco Grande ci sarà la prima edizione del festival per le famiglie Di palo in frasca, dedicato ad arte, cultura e ambiente, di cui abbiamo parlato qui. Il programma delle due giornate è veramente interessante.

Alla mostra Da Degas a Picasso in corso al Castello Visconteo proseguono poi, come tutti i weekend, i laboratori per bambini, qui informazioni e calendario.

Domenica, al Viridea Garden Center di San Martino Siccomario (tel. 0382.496701), dalle 15.30 alle 18.30 i bambini dai 5 anni in su potranno partecipare al laboratorio gratuito Immaginare la città del futuro, dedicato alla progettazione di una città green e sostenibile con l’utilizzo di materiali di recupero.

Vi segnaliamo poi che al Castello di Belgioioso è in corso Officinalia, la fiera del biologico che ha aperto mercoledì e proseguirà tutti i giorni fino a domenica.

Officinalia-Belgioioso

Anche se non sono previsti eventi specifici per i bimbi, sono molti gli stand che trattano prodotti/tematiche riguardanti tutta la famiglia. Il parco del castello, poi, è veramente bello e grande, ideale per rilassarsi e fare giocare i bambini. Ogni anno ce ne sono tantissimi. Qui qualche informazione in più.

Se volete segnalate pure altro. Buon 1 maggio e buon fine settimana lungo a tutti dalle mamme connesse!

By Chiara

Annunci
1

Milano, sei mesi di eventi al MUBA

childrenshare

Non so se qualcuno di voi è già stato al MUBA di Milano, il Museo dei bambini inaugurato pochi anni fa alla Rotonda di via Besana che organizza un sacco di laboratori, attività e mostre interessanti e innovative per piccoli e piccolissimi.

In questi giorni ho spulciato il programma di Childrenshare, il programma di eventi culturali del museo, volti all’inclusione (parola che amo moltissimo), che durerà sei mesi e che prevede tantissime iniziative e attività pensate per i bambini e le famiglie, legate ai temi di Expo. Sono previsti un sacco di workshop, performance, mostre-gioco, exhibit e installazioni che parlano il linguaggio dei bambini. Dateci un’occhiata, perché sembra meritare davvero: qui trovate il programma completo degli eventi (organizzati su turni).

Il 1, 2 e 3 maggio ci sarà l’inaugurazione (ingresso gratuito a prenotazione obbligatoria), con i Dancing Solar Flowers dell’artista francese Alexandre Dang, che comporrà un’installazione fatta di fiori in cartoncino con l’utilizzo dell’energia rinnovabile e con la collaborazione attiva di tutti i bambini presenti. Qui trovate informazioni e dettagli della giornata.

Come dicevamo, le iniziative previste sono veramente tantissime, per approfondire c’è anche il sito dedicato childrenshare.muba.it.

Buona giornata a tutti!

By Chiara

2

Arte, cultura e ambiente a Di palo in frasca

Ciao a tutti, siamo molto felici di annunciarvi una bella novità per il nostro territorio, un festival per la famiglia all’aria aperta pensato per accrescere la sensibilità ambientale anche dei nostri bimbi, attraverso il contatto diretto con la natura, l’arte, la cittadinanza attiva.

Di palo in frasca è un’iniziativa partita dal basso, organizzata dalla rete di associazioni pavesi Progetto Arca, e si terrà sabato e domenica 2-3 maggio a Pavia, al Bosco Grande e il 9 e 10 maggio a Spessa Po, al Centro Artemista, dalle 16 alle 23 il sabato e dalle 10 alle 18.30 la domenica.

Bambini e genitori verranno coinvolti attivamente in laboratori, spettacoli, percorsi avventurosi e momenti di gioco. I più piccoli potranno cimentarsi con le corde tra gli alberi per dondolare e arrampicare, passeggiare nel bosco al buio alla scoperta degli animali notturni, provare giochi circensi, assistere a spettacoli su energia, paesaggio e ambiente. L’ingresso è libero fino ai tre anni ed è previsto un biglietto ridotto di 2 euro per i bambini sotto i 13 anni. L’ingresso per gli adulti costerà 3 euro. Con il biglietto si potrà accedere a tutte le iniziative. Con il ricavato si soterranno le attività di educazione ambientale di Progetto ARCA – Associazioni in Rete per la Cultura e l’Ambiente, frutto della collaborazione di quattro associazioni del territorio (Associazione Amici dei Boschi ONLUS, Artemista, Energetica, Teatro Viaggiante).

Il programma completo della giornata è disponibile alla pagina facebook dipaloinfrasca2015.

di palo in frasca locandina a3 con programma-2

Per i laboratori e gli spettacoli è consigliata la prenotazione ai numeri 0382.303793 e 349.7252803 o all’indirizzo dipaloinfrasca2015@gmail.com. In caso di maltempo le attività si svolgeranno in forma ridotta ma comunque fedeli allo spirito dell’iniziativa.

Saranno inoltre disponibili un servizio di ristorazione che offrirà prodotti sostenibili e un’area pic-nic attrezzata.

Andiamoci in tanti! 🙂

by Chiara

0

Il 25 aprile della mia generazione (e di mia figlia)

320px-Partigiani_sfilano_per_le_strade_di_milano

Domani è il 25 aprile. Provo a elencare qualche ragione per cui quest’anno più che in altri tempi secondo me è necessario sfilare. Con i bambini, grandi o piccoli che siano.

Perché non me la sono mai sentita di usare la parola “fascista” come ingiuria verso nessuno. Nel senso che ho sempre ritenuto fosse una categoria storica ormai superata. Ma in questi ultimi anni c’è stata un’escalation di pensieri che non so con che altre parole definire se non “fascisti”. Erano loro a dire prima gli italiani. Erano loro a non volere gli ebrei nei loro confini. Erano loro a aizzare i sentimenti dei poveri cristi contro chi era più povero cristo di loro. Senza dare una prospettiva sociale di reale riscatto e di uscita dalla crisi. Senza portare nessuno fuori dal pantano, anzi lasciando tutti in condizioni peggiori di quelle da cui partivano. In Italia oggi purtroppo di fascisti ce ne sono ancora. E in Europa forse, ancora di più. Facciamo capire che non li vogliamo.

Perché la mia generazione (classe 1978) è cresciuta negli anni della sbornia e del benessere individualistico. Anni in cui si poteva in serenità bollare come “retorica” la cerimonia nel 25 aprile .Anni in cui chi era di destra, chi era di sinistra… tutti potevano a ben diritto appropriarsi di quella festa purché se ne annacquasero i valori. Purchè dal 26 aprile non se ne parlasse più. La mia generazione è cresciuta con una destra che decideva e una sinistra – apprezzate il giro di parole – pressoché non pervenuta. Con un muro di Berlino che crollava e una sbornia di disco dance. C’era un gran casino intorno e noi non avevamo gli strumenti per decifrarlo. Sentivamo il bisogno di appartenenza, ma eravamo diversi dai nostri genitori cresciuti a pane e politica. Noi di politica non ci capivamo niente. Eppure la politica decideva per noi, anzi aveva già deciso. Per questo fermarsi, ragionare un attimo e ripensare alla generazione di chi alla nostra età andava sui monti a combattere per garantirci un futuro di libertà non può che farci bene. Perché forse un po’ di colpa di tutto sto casino, ce l’abbiamo anche noi.

Perché siamo minacciati dalla crisi, da attentati terroristici. E sentiamo il bisogno di ribadire chi siamo. Partiamo dall’identità che ci dà la nostra costituzione, inclusiva. Abbiamo l’identità di chi fondò sulla libertà e sul diritto al lavoro il paese che stava rinascendo. L’identita di chi credeva all’impegno civile. L’identità della solidarietà. L’identità di chi con tenacia ha messo intorno a un tavolo democristiani, socialisti, comunisti (e non solo loro) mediando tra gli interessi e le visioni di tutti. L’identità di chi è sicuro delle proprie radici e non si chiude al mondo per paura di perderle.

Perché una generazione che non conosce la storia è destinata a ripetere errori clamorosi. E’ manipolabile, fragile, strumentalizzabile da racconti mediatici non sempre fatti per testimoniare la verità. Più spesso per propagandare una mitologia, funzionale a chi ha il potere, purtroppo. Vorrei che ogni bambino avesse vicino qualcuno che gli raccontasse da dove viene, chi sono i suoi nonni, i suoi bisnonni, in che età hanno vissuto, chi comandava e con quali regole. Vorrei che fosse scolpito sulla pietra che essere dissidente è un diritto e anche un dovere. Perché solo chi ha saputo esserlo ha fatto progredire l’umanità. Buon 25 aprile a tutti!

Qui trovate il programma delle manifestazioni in città

0

Ultimo fine settimana di aprile, gli eventi

liberi-tutti

Ciao a tutti, eccoci come sempre con il programma degli eventi per il fine settimana.

Vi segnaliamo innanzitutto che venerdì 24, alle 17.30, si terrà alla Libreria Il Delfino la lettura scenica a più voci (con disegno e tastiera ad accompagnare) di brani tratti da Il piccolo principe, a cura di Terre des Homes e Inscena Veritas. Uno spettacolo pensato per i più piccoli, ma non solo.

piccolo principe def

Sabato 25 è il settantesimo anniversario della Liberazione. Qui trovate il programma della giornata, alla quale è invitata a partecipare tutta la cittadinanza.

Alla Cascina Bosco Grande viene organizzata, come tutti i sabati, la consueta mattina di bosco. Qui potete trovare maggiori informazioni su questa bella opportunità, di cui anche le mamme connesse hanno parlato.

Domenica 26 al Bosco Negri, per tutta la giornata, ci sarà la festa per festeggiare i 50 anni delle oasi Lipu con iniziative per tutta la famiglia. Qui il programma nel dettaglio.

Nel pomeriggio inoltre, a partire dalle 16, verrà inaugurato il nuovo parco giochi di via Martinetti, di cui vi abbiamo parlato qui.

VOLANTINO_INAUGUR_PARCHETTO_Layout+1

Se ci siamo perse qualcosa segnalatecelo che aggiorniamo ;-).

Buon weekend e buon 25 aprile a tutti!

by Chiara

1

Domenica festa Lipu al Bosco Negri

1024px-Martin_Pescatore

Ciao a tutti. Oggi vi segnaliamo una bella opportunità per domenica 26 aprile: al Bosco Negri di via Bramante 1 è prevista una grande festa per i 50 anni delle Oasi Lipu.

Per tutta la giornata ci saranno laboratori, workshop e tante iniziative adatte a tutta la famiglia per celebrare l’importante traguardo raggiunto dalla associazione in difesa del patrimonio naturalistico del nostro paese. Tutti gli eventi sono gratuiti, ma se volete fermarvi per il pranzo è necessaria la prenotazione entro venerdì 24 aprile (fino a esaurimento posti).

Di seguito i dettagli del programma previsto per Pavia:

  • Dalle 10 alle 12: S.O.S. Capanno! Regala alla Lipu per il suo compleanno un po’ del tuo tempo per aiutarci a realizzare il nuovo punto di avvistamento per l’avifauna del bosco!
  • Dalle 12.30 alle 14: pranzo a Km 0 a cura dell’Agriturismo La Valbona. Si potrà scegliere tra due opzioni: panino, dolce e bibita a 6 euro oppure pranzo completo di primo, secondo con contorno, dolce, bibite e caffè a 15 euro.
  • Dalle 14 alle 17: laboratorio per bambini di decorazione di una marionetta da dito a forma di upupa.
  • Dalle 15 alle 16: Quizzettone Lipu Story aperto a tutti. Ricchi premi saranno vinti dai più preparati sulla storia della Lipu.
  • Dalle 16 alle 18: Visite guidate sulla fauna e flora del bosco accompagnati da letture a tema interpretate dalle voci dei volontari ADOV.

Per ulteriori info e prenotazioni potete telefonare al numero 0382.569402 oppure scrivere oasi.bosconegri@lipu.it.  

Per chi volesse, durante la festa sarà possibile iscriversi all’associazione con la quota semestrale “Amico Lipu” di 10 euro per gli adulti, 8 euro per i bambini e 20 euro per tutta la famiglia. Un simpatico uccellino di carta verrà dato in omaggio al banchetto soci.

by Chiara

2

Pannolini lavabili: a Pavia si può?

unnamed
Dal 20 al 26 Aprile 2015 si celebra in molti Paesi del mondo la Settimana internazionale del Pannolino Lavabile (SIPL2015), che in Italia è promossa dall’Associazione NonSoloCiripà ed ha lo scopo di far conoscere alle famiglie l’alternativa possibile, ecologica, economica e salutare ai pannolini usa e getta.

Sembra uno scherzo ma è tutto vero: i pannolini usa e getta per bambini sono un capitolo di spesa consistente per le famiglie con neonati e costituiscono anche una voce importante dei rifiuti che vanno in discarica o inceneritore: ogni bambino ne genera circa una tonnellata, i cui costi di raccolta e smaltimento vanno a gravare sulle tasse di tutti. I pannolini usa e getta inoltre possono causare dermatiti perché mettono a contatto la pelle del bambino con materiali plastici e composti chimici super-assorbenti a effetto fortemente disidratante.

L’alternativa, i pannolini lavabili di tessuto, lascia perplessi molti genitori, che magari non li hanno mai visti nei negozi e non sanno dove procurarseli, non sanno quanto costano, quanti ne servono, come usarli, oppure temono che siano poco igienici o ancora che il loro utilizzo sia troppo impegnativo da conciliare con la vita frenetica da “mamme connesse”.

In Italia alcune Amministrazioni Comunali (specialmente in Trentino, Veneto e Friuli Venezia Giulia) promuovono l’utilizzo di pannolini lavabili tramite incentivi (buoni acquisto o kit-omaggio), alcuni asili nido e reparti neonatologia ne stanno sperimentando l’utilizzo interno, ed esistono alcuni casi di servizi ritiro-lavaggio-riconsegna a domicilio.

E a Pavia? Al momento niente di tutto ciò: tranne in poche eccezioni, nei corsi preparto e negli ambulatori pediatrici non se ne parla, solo pochissimi asili nido (privati) accettano bambini con pannolini lavabili, e solo pochi negozi o supermercati li rivendono: Coop, Natura sì e Carrefour a Pavia, Bimbo Storea Cava Manara, Bersani Bimbi e Parafarmacia Marchese a Voghera, Chenurioa Garlasco, BimBumBam a Torricella Verzate e Bimbotta a Vigevano.

unnamed
Tuttavia, anche a Pavia è possibile informarsi sui pannolini lavabili, conoscerne le varie tipologie, i trucchi per un utilizzo sereno, e provarli gratuitamente, grazie al servizio “Pannolinoteca”, una biblioteca di pannolini lavabili. Lapannolinoteca pavese è nata nel 2012 dall’impegno di Agnese, Maria e Michela, tre mamme pavesi che hanno utilizzato con soddisfazione i pannolini lavabili coi loro figli e hanno deciso di offrire ad altri genitori la possibilità di provarli.
Senza fini commerciali e sostenuta dalle Associazioni NonSoloCiripà e GasPavia, la pannolinoteca pavese, che al momento non ha una sede fissa ed è ospitata a rotazione dalle tre mamme, offre in prestito per due settimane un kit contenente un assortimento di pannolini lavabili di vario tipo e marchio, dai modelli vintage come i ciripà in cotone, ai moderni “all-in-one” in tessuto tecnico.
La pannolinoteca promuove inoltre lo scambio di pannolini tra mamme e il passaggio di pannolini usati, per aumentare ulteriormente il loro ciclo di vita e ridurre le spese e gli sprechi.

Nel 2013-14 sono nate altre due pannolinoteche in provincia di Pavia, gestite dall’Associazione Allattamento IBCLC: la Pannolinoteca dell’Oltrepò a Broni e la Pannolinoteca Vigevanese.

I contatti sono: 
Pannolinoteca Pavese: pannolinoteca.pavia@gmail.com
Pannolinoteca Vigevanese: lauraibclc@gmail.com
In occasione della SIPL 2015, la pannolinoteca pavese inaugura anche una vera e propria sezione biblioteca, mettendo a disposizione delle famiglie una selezione di libri sul tema pannolini lavabili e abbandono del pannolino.
Durante la SIPL è inoltre possibile acquistare pannolini lavabili scontati dai negozi on-line.
Allora forza: cambiamo il mondo… un pannolino alla volta!

By Agnese, Maria, Michela